Per il suo funzionamento ottimale questo sito utilizza i cookies. Procedendo nella navigazione se ne accetta implicitamente l'utilizzo (Maggiori informazioni). Accetto
La Sardegna
che non ti aspetti
portale turistico per le
tue vacanze in Ogliastra
IT    EN
Santa Maria Navarrese L'aguglia di Cala Goloritzè Gairo - Perda Liana Scogliere nel comune di Baunei Arbatax - Rocce rosse Ulassai e i suoi tacchi Cala Goloritzè Tertenia - Coccorrocci Trasparenze Transumanza Osini - Nuraghe Sanu Ciottoli Arbatax - La spiaggia Capra al mare Ussassai - Su Casteddu
Ti trovi in: 

Il pane
In Ogliastra il pane di tutti i giorni è il pistoccu. L’impasto è costituito dal fiore della farina e dalla semola, leggermente lievitato. Viene lavorato in fogge rettangolari o circolari, poi messo in forno. Appena si forma una crosta dorata, viene tolto e tagliato a metà, in senso orizzontale, per essere messo di nuovo a tostare nel forno ancora caldo. La carta da musica, invece, è una sorta di pane carasau caratterizzato da una sfoglia leggermente più spessa. L’impasto è di farina di grano duro e acqua, mentre il procedimento di cottura dei fogli di pasta, questa volta solo di forma circolare, è identico a quello del pistoccu. Infine, il pani pittau è il pane augurale che compare sulle tavole in occasione delle ricorrenze più felici, banchetti e matrimoni.

I primi piatti
Il primo piatto per eccellenza sono i culurgionis, ravioli di pasta ripieni di patate e formaggio pecorino fresco. La pasta è quella che normalmente si fa per i ravioli, mentre il ripieno è composto da patate lessate e passate, unite al formaggio pecorino fresco appena grattugiato (esiste anche una variante con la menta). Secondo la tradizione, i ravioli vengono chiusi a mano e pizzicati lungo i bordi con la punta delle unghie, in modo da raffigurare delle spighe di grano. Una volta cotti, vengono conditi a strati nel piatto, con abbondante sugo di pomodoro e una spolverata di pecorino grattugiato. I malloreddus sono gnocchetti a forma di conchiglia della grandezza di nemmeno due centimetri, impastati con semola di grano duro e acqua tiepida salata; di solito vengono conditi con sugo di pomodoro e salsiccia. Infine, potrete gustare da queste parti la fregula impastata con il nero di seppia. Secondo la ricetta classica sarda, la fregula è una specie di couscous preparato con semola e acqua; in Ogliastra esiste questa saporita variante, che viene condita con un sugo di gamberi e nero di seppia. Per finire, vere specialità di queste parti sono gli spaghetti ai ricci di mare e alla bottarga e la prelibata zuppa di pesce all’ogliastrina.

I secondi piatti
Nei secondi il piatto principe è il maiale: allo spiedo, arrostito alla brace o cotto in un letto di foglie ed erbe aromatiche (il porcetto è un maialino di non più di quattro/cinque mesi non ancora svezzato). Per chi apprezza il gusto particolare delle interiora degli animali, da non perdere è "sa trattalia", una treccia di intestini di agnello o capretto cotta allo spiedo. Tra i secondi non a base di carne spicca la gustosissima coccoi prena, una sorta di focaccia costituita da un impasto di pasta, patate schiacciate e formaggio pecorino (esiste anche una variante con la zucca o le zucchine, la coccoi 'e corcoriga). Per i più gourmet esiste il "casu axedu", formaggio a tranci che ricorda lo yogurt, ma molto più denso e consistente, fatto di latte di pecora, di capra oppure misto.

I dolci
L’Ogliastra offre gli amaretti, dolcetti fatti di pasta di mandorle, le ciambelle (biscotti di pasta frolla), le casadinas, dolcetti impastati con formaggio freschissimo e buccia d’arancia, le pappassina e le paniscedda, focacce tipiche impastate con vino cotto che compaiono sulle tavole nella ricorrenza di Ognissanti.

I vini
Per accompagnare tutti questi piatti, non deve mancare in tavola il vino cannonau, prodotto esclusivamente da uve cannonau della zona, soprattutto di Jerzu: invecchiato in botti di rovere, questo vino, dal colore rosso profondo e dall’alta gradazione alcolica, sposa perfettamente i piatti di carne e i formaggi della zona. Ottimo vino rosso prodotto nel comune di Gairo e Cardedu è il Perda Rubia, dalla colorazione rossa intensissima e il sapore forte derivante da un discreto invecchiamento. Si abbina facilmente a tutte le specialità robuste della regione.

Le specialità
Vanto della gastronomia locale sono i prosciutti e i salumi di alta montagna, prodotti a Talana e a Villagrande Strisaili (gli animali pascolano rigorosamente allo stato brado) e il formaggio pecorino del caseificio di Tertenia (è possibile acquistarlo presso il punto vendita dello stabilimento).

Meteo live
Venerdì 15
pioggia
Libeccio
Moderato
m.12°- M.15°
Sabato 16
sole
Ponente
Moderato
m.7°- M.12°
Domenica 17
variabile
Tramontana
Moderato
m.6°- M.11°
Immagine precedente
Immagine precedente
Gallery
Sapori d'Ogliastra
Sapori d'Ogliastra
Sapori d'Ogliastra
Sapori d'Ogliastra
Sapori d'Ogliastra
Sapori d'Ogliastra
Sapori d'Ogliastra
Sapori d'Ogliastra